martedì 23 maggio 2017

LA PASTICCERIA CUCCHI OSPITA LORENZO CRIVELLARO


La Pasticceria Cucchi di Corso Genova 1 è da sempre teatro di affascinanti esposizioni che impreziosiscono di volta in volta gli angoli romantici di un salotto che profuma di infinite delizie. In questo periodo in mostra le opere iconiche di Lorenzo Crivellaro, eclettico designer e pittore di emozioni, alla continua ricerca di nuove modalità espressive che lo conducono di volta in volta a nuove sperimentazioni, tra forme originali ed equilibri cromatici che regalano flash estrosi di passato e futuro: un'altalena di emozioni e sensazioni tutte da gustare.

Tra i quadri esposti non poteva mancare, in occasione della sua esposizione, il lavoro con dedica "Expressly for Cucchi" realizzato dall'artista per lapasticceria simbolo dell'eccellenza milanese.
L'occasione è ghiotta!

Un appuntamento che si propone tutti i giovedì di maggio è “Aperitivo inSALito”, nella storica pasticceria Cucchi. Un aperitivo di proposte gourmet, realizzate con diverse varianti dei sali DeChillico, da abbinare ai drink classici che ne valorizzano fragranza e aromi. Un gioco di armonie e di esaltazioni reciproche per un’esperienza sensoriale difficile da dimenticare.


A proposito della Pasticceria Cucchi.
Da qualche anno entrata a far parte dei Locali Storici d’Italia, la Pasticceria Cucchi si trova da sempre allo stesso indirizzo, all’angolo tra Corso Genova e Piazza Resistenza Partigiana, nel cuore di Milano. Fondata nel 1936 come “caffè concerto” da Luigi Cucchi e dalla moglie Vittorina, la Pasticceria Cucchi diventò presto uno dei ritrovi alla moda di Milano, offrendo ai suoi avventori serate animate da un’orchestrina spagnola che suonava fino a tardi balli appena arrivati dagli Stati Uniti con servizio di cucina. Raso al suolo da un bombardamento delle forze alleate nell’agosto del 1943, il locale venne ricostruito in poco tempo assumendo la sua definitiva identità di pasticceria, pur conservando nella sua essenza tracce del suo passato. Gli arredi, rinnovati completamente nel 1945 e poi un’ultima volta nel 1954, conferiscono al locale quell’atmosfera così particolare che, unitamente alla genuinità della pasticceria dolce e salata e alla qualità del servizio, ha permesso alla Pasticceria Cucchi di attraversare sostanzialmente immutata decenni di storia milanese, silenziosa testimone di un’evoluzione sociale e culturale che negli anni ha visto avvicendarsi ai tavolini della sua piccola e accogliente sala da tè artisti di varia fortuna (citarne solo alcuni sarebbe ingiusto nei confronti degli altri), ma anche manager, professionisti e artigiani, nonni con i nipotini. Nell’estate del 2013 la Pasticceria si è ampliata acquistando spazio su corso Genova e ripensando l’esposizione del banco del bar in modo da renderlo visibile dalle due vetrine che si affacciano sul corso, conservando in tutto e per tutto i motivi di arredo e lo stile caratteristico del negozio, condizione essenziale per la decisione presa. Il locale ne ha guadagnato in spazio e luminosità, non cedendo nulla in fascino e tradizione. La proprietà del locale è tuttora della stessa famiglia che, giunta alla terza generazione, prosegue con passione il lavoro avviato dai nonni paterni, caratteristica sempre più rara tra gli altri locali della stessa città e che, unita ad una costante ricerca e attenzione alle esigenze della clientela, è testimonianza concreta del valore che esperienza e arte, gelosamente custodite, hanno nel campo artigianale. Nel 2016, la storica bottega meneghina, ha spento 80 candeline con una mostra fotografica sulla sua storia e sulla sua amata Milano. Dal 1 maggio di quest’anno, inoltre, il locale rimane aperto anche il lunedì. Cesare, Vittoria e Laura Cucchi  pensano che la valorizzazione della tradizione dolciaria milanese è il principale obiettivo. Tutte le materie prime sono selezionate attentamente dal  team di pasticceria, i prodotti sono privi di conservanti affinché i sapori giungano inalterati. E’ il lievito madre a donare a tutti in grandi lievitati della Pasticceria Cucchi una caratteristica inconfondibile e irripetibile.


www.pasticceriacucchi.it 

sabato 20 maggio 2017

WELC(H)OME TO KASANOVA HEADQUARTER

Chiamarli semplicemente nuovi uffici del leader italiano del casalingo è fortemente riduttivo se si pensa che ci troviamo di fronte a una delle più innovative, tecnologiche e accoglienti sedi di un'azienda che vede aumentare senza sosta il proprio successo sul territorio.
Con l'ennesimo investimento proiettato alla crescita di un modello industriale vincente, Kasanova mantiene l'alto profilo di quello standard qualitativo che gli ha permesso di diventare icona di un intero mercato.
Il nuovo headquarter di via Resegone 11 ad Arcore nasce come vero e proprio punto di incontro tra persone che lavorando insieme traggono, dallo spirito di gruppo, le energie necessarie per costruire nuovi progetti sempre più aderenti al settore.

Un approccio creativo e una filosofia famigliare che si traducono in una progettazione fondata sul comfort abitativo: un ambiente sfizioso, a misura d'uomo, fonte di benessere per chi lo vive.

Progettato dallo studio SIMS Agrate Brianza, il nuovo headquarter Kasanova è firmato dall’Ingegnere Michele Sardi e dall’architetto Mauro Gabaldi. Con un’estensione di 2500 mq di uffici il quartier generale prevede: 200 postazioni (di cui 170 occupate), 95 posti auto coperti, zone verdi e aree relax.

Per il vernissage con dipendenti (amici e parenti) di sabato 27 maggio, un "Family Day" ricco di attività divertenti, alla scoperta di un luogo di lavoro sorprendente e per molti versi unico, come unica è la proposta firmata Kasanova.

www.kasanova.it

AL FESTIVAL DEL VOLO GLI ITALIANI NELLO SPAZIO

Per celebrare il 25° anniversario del primo italiano nello Spazio, il Festival del Volo organizza un interessantissimo convegno scientifico, che avrà luogo presso il Parco Experience www.experiencemilano.it (area di Expo 2015) il prossimo 2 giugno.

Astronauti, scienziati, recordmen e studiosi della storia del volo di fama internazionale si alterneranno sul palco per raccontare ogni singola emozionante esperienza. 
Tra gli ospiti, Franco Malerba, primo astronauta italiano, che rievocherà la sua fantastica impresa; Amalia Ercoli Finzi, illustre scienziata, capostipite dell’ingegneria spaziale; Donatella Ricci, fisica con la passione per il volo, recente primatista mondiale a bordo di un autogiro; Emanuele Viscuso, il maggior esperto di alimentazione “extraterrestre” oltre a piloti, meteorologi, alti ufficiali dell’Aeronautica Militare. 
 A fare gli onori di casa Umberto Cavallaro, presidente ASITAF, saggista di storia dell’esplorazione spaziale, autore della mostra sull’Italia nello Spazio, sulle donne astronaute e sul “cibo nello spazio”, che saranno allestite al piano terreno di Palazzo Italia e Marco Majrani, ideatore del Festival del Volo e maggior esperto di storia dell’aerostatica, che rievocherà i primati storici di Milano in campo aeronautico.

Posti a disposizione dei possessori del biglietto Festival del Volo fino ad esaurimento posti, a partire dalle ore 16 in punto di venerdì 2 giugno 2017. 
Festival del Volo e Poste Italiane, in collaborazione con ASITAF (Associazione Italiana Astrofilatelia), svilupperanno per l’occasione speciali cartoline e francobolli a tema aerostatico e spaziale.


Il Festival del Volo è organizzato in collaborazione con Arexpo.

www.festivaldelvolo.it

giovedì 18 maggio 2017

A TEDXVICENZA BRILLA L'ADAPTIVE STORYTELLING DI DRAWLIGHT



Al cospetto di una platea qualificata, in questa terza edizione dell'incontro si sono infatti confrontate alcune tra le menti, le idee e le filosofie del nuovo pensiero globale in un work in progress di modelli geniali, rivoluzionari e visionari.      

Per l'occasione DrawLight ha presentato la sua nuova grande sfida: l'Adaptive Storytelling.
                                                                                                                
Oggi, tre anni dopo, quest’idea si è evoluta.

Tramite uno speciale software di riconoscimento facciale, in grado di interpretare differenti espressioni del viso, DrawLight ha creato un’installazione in cui gli spettatori di TEDxVicenza Vis-a-Vision potessero essere i protagonisti. 
Messi "vis-a-vis" con immagini e video footage realizzati per stimolare in loro una precisa emozione (es. felicità, rabbia, disgusto…), i TEDexers sono stati “scansionati” da uno speciale software in grado di catturate le loro reazioni e trasformarle in big data, senza intaccare in nessun modo la loro privacy.
Dati poi pubblicati  nel sito di TEDxVicenza in una pagina interamente dedicata al progetto #sappiamocosaprovi (
www.tedxvicenza.com/sappiamocosaprovi) e interpretati da Mick Odelli, a sorpresa per la seconda volta sul palco di TEDxVicenza in qualità di past speaker.                                                                                         

Profilazione dell’utente, analisi comportamentale, interpretazione dei gusti, le applicazioni pratiche dell’Adaptive Storytelling sono molteplici. 
                                                                                                                
Il focus principale per DrawLight resta però l’esperienza dello spettatore.     
Un’esperienza che diventa un dialogo bidirezionale tra pubblico e installazione, che si influenzano e modificano a vicenda grazie all’ausilio della tecnologia.
Installazioni audiovisive che provocano emozioni, leggono la reazione dello spettatore e mutano di conseguenza.

Ed ecco l’evoluzione: dall’Immersive Storytelling all’Adaptive Storytelling.     

E’ iniziato un nuovo percorso per il team di DrawLight: un progetto innovativo che i partecipanti a TEDxVicenza hanno contribuito a creare.